7colori – i colori della luce, abbracci cromatici e arcobaleni

Scritto da Elena Bianco on . Postato in Appuntamenti, Cultura

Milano, Italia.
Difficile valutare se le opere degli otto artisti della mostra collettiva diffusa 7colori – i colori della luce, abbracci cromatici e arcobaleni siano i loro lavori più riusciti. Di sicuro però sono i loro più straordinari, perché sono stati concepiti e realizzati in un tempo straordinario, dall’ottobre 2020 in piena seconda ondata covid, quando le speranze di remissione della precedente estate si sono infrante contro una realtà ben diversa.

Gioco Arcobaleno – Tiziana Priori


L’idea, semplice ma non scontata quando si tratta di artisti, è di Tiziana Priori. Ha deciso di “ingannare il virus” e coinvolgere i colleghi per lavorare insieme sul momento della speranza, cioè quando si va oltre il buio e s’intravede la luce del sole, di cui i 7 colori utilizzati sono lo spettro. Ha quindi chiesto di trovare tutti insieme parole di speranza da abbinare a ciascun colore, a sostituire gli abbracci vietati in quel periodo. Sono le tinte che lei stessa mette su carta nepalese in Gioco Arcobaleno, un nodo apparentemente gordiano che lentamente sembra allargarsi e aprirsi con nuova fiducia nel futuro.
Uno smartworking che, se per altre categorie di persone ha semplicemente reso più complessa e meno umana la quotidiana routine lavorativa, nel caso degli otto artisti ha creato una corrente di energia condivisa nonostante la barriera degli schermi di computer. Un’energia che fa da fil rouge e che si sente ben oltre l’effetto cromatico dei sette colori, del semplice topos dell’arcobaleno, atto conclusivo della tempesta, inizio del sereno e metafora del ritorno alla vita.

Arco – Pino di Gennaro


Rappresentare energia e rinascita appare oggi come un gesto di autodeterminazione forte, quasi audace, in tempi incerti; ma bisogna pensare che l’arte terapia per queste otto persone è uno stile di vita. Lo è per Pino di Gennaro: “l’arte ha sempre avuto una funzione terapeutica per chi la esercita, ma non sempre l’artista ne ha avuto consapevolezza”. Ecco allora che le sue piccole saette di cartapesta colorata – Arco, non ancora arco-baleno – schizzano come raggi cosmici, ancora spezzate, ma svettanti, come la crescita della speranza che via via diventa gioia.

Le Parole del Tempo – Daniela Barzaghi


Arte terapia che talvolta diventa colloquio intimo. Così sono Le Parole del Tempo, serie di libri in carta, tessuto ricamato a mano, acrilici di Daniela Barzaghi, artista sensibile e avvezza a ridare vita ai materiali “poveri” come carta, metallo e oggetti trovati in natura. Un colloquio intimo fra Daniela e la madre, colpita un anno fa dalla scomparsa del marito, che ha donato alla figlia il suo tempo reso vuoto dalla perdita, ricamando parole su tessuti colorati. Un colloquio che ha permesso all’artista di donare a sua volta un senso al tempo della madre, colmandolo di gesti, progetti, soddisfazione condivisa per il risultato. Da questa collaborazione interiore sono ri-nate parole su rotoli di tessuto colorati,  che sbucano dalle pieghe di un libro del tempo arcobaleno. O ancora escono, piene di istintiva speranza, da un libro del tempo cupo, drammaticamente annerito al punto da evocare una Combustione di Burri; però già timidamente traspare il colore, come timida è la speranza all’alba della rinascita.

Le Parole del Tempo – Daniela Barzaghi

La mostra diffusa è alla Galleria Eroici Furori in via Melzo 30 dal 9 al 16 febbraio
Dal 10 al 24 marzo l’esposizione sarà presso “Lo Studio” via San Maurilio 11 con opere di Simonetta Chierici, Tiziana  Priori,  Claudio Zanini., Pino Di Gennaro.
Dal 19 febbraio al 21 marzo proseguirà in “Fiori, Foglie E Fantasia” via Brisa, 15 in sequenza: dal 19 al 21 febbraio Daniela Barzaghi, dal 26 al 28 febbraio Simonetta Chierici, dal 12 al 14 marzo Tiziana Priori, dal 19 al 21 marzo Laura Frova.
Nella “Bottega Artigiana” in via Sottocorno 5: in sequenza: dal 11 al 14 marzo Pino Lia, dal 25 al 28 marzo Daniela Barzaghi.
Nello Spazio Orso 16 in via Dell’Orso 16 il 16 marzo, con tutti gli artisti insieme

Catalogo in galleria con la presentazione di Ruggero Maggi e Consuelo Casula

Elena Bianco
elena@agendaviaggi.com

Elena Bianco

Piemontese, cresciuta a Milano e vissuta a Venezia per un tot di anni, è laureata in Filosofia e diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera. Giornalista dal 1991 e membro del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica), scrive sulle sue vere passioni: cibo, vino, viaggi su DOVE, Style del Corriere della Sera, Food & Beverage, Confidenze ed altre ancora. Per sette anni si è dedicata alla pubblicità, come Amministratore Delegato di un’agenzia di advertising e ha lavorato come consulente per il turismo della Provincia di Venezia. Quando non scrive per i vari magazine e non naviga in rete con il suo blog (www.enogastronomiablog.it) coltiva altre passioni: il giardino della casa in campagna, le arrampicate sulle Dolomiti, la cucina per gli amici, la fotografia.