Vitra Design Museum, arte e cultura quotidiana

Scritto da Redazione on . Postato in Coppia, Single, Spazi & Natura, Weekend

Al Vitra Design Museum, i rapporti con l’architettura e la sua esplorazione, la ricerca e la presentazione del design, tra passato e futuro.

Weil am Rhein, Germania.
Sono giunto per la prima volta al Vitra Design Museum, poco distante da Basilea. Quello che vi colpisce appena ci si arriva è l’edificio costruito dall’architetto Californiano Frank O. Gehry, un unione di forme irregolari, eclatanti, una struttura a dir poco visionaria, che ospita uno dei più importanti musei del design al mondo.

Può il design rendere il mondo un posto migliore? Secondo molti designer le loro opere non sono comuni, le “opere d’arte” esprimono pensieri e idee dei loro creatori; ne è un esempio Victor J. Papanek (1923-1998), il quale vedeva il design come strumento per il cambiamento politico e per il bene sociale. Papanek si occupò di esprimere preoccupazione nei confronti dei socialmente esclusi, delle aree del Terzo Mondo, si interessava all’ecologia, alla sostenibilità della bionica e all’anticonsumismo. La designer olandese Christie Meindertsma sfidò la moderna produzione industriale esplorando temi come la sostenibilità, la ricerca dei materiali e l’uso di prodotti riciclabili. Ed ecco come il ruolo dei designer non è più solo quello di essere creativi, ma anche quello di offrire riflessioni al consumo e approfondimenti su questioni di innovazione. Il Vitra Museum non offre solo opere d’autore ma anche vere e proprie collezioni: come il VitraHaus, costruito da Herzog & de Meuron, che contiene l’intera Vitra Home Collection, dai grandi classici alle più recenti opere di design contemporanee. Offre inoltre la possibilità di acquistare mobili e accessori di famosi designer. Proseguendo lungo il percorso del campus troviamo: la Blockhaus, edificio a capanna che funge da rifugio dell’artista Thomas Schutte; la Vitra Rutschturm, la torre a scivolo alta 30 metri di Carsten Holler e la Feuerwehrhaus, la caserma dei pompieri dell’architetto iracheno-inglese Zaha Hadid che oggi viene usata come sede di eventi e mostre del museo. La base del lavoro del Vitra Design Museum è la sua collezione, che è una delle basi più importanti del design del mobile in tutto il mondo. Comprende oltre 7000 pezzi di mobili, oltre 1000 pezzi di illuminazione e gli archivi di alcuni famosi designer. Il Vitra Schaudepot effettua una selezione da questa preziosa collezione da rendere accessibile al pubblico. Fino a 400 pezzi chiave del design del mobile dal 1800 ad oggi sono esposti nella sala principale al piano rotondo.Le mostre temporanee più piccole presentano temi legati alla collezione, altri dettagli sugli articoli in mostra possono essere trovati nel catalogo digitale.
Photo piccola in alto Courtesy by Vitra Museum

Video a cura di Simone Bonini, testo Erika Eusebio

Trackback dal tuo sito.