Visitare Lucerna: la torre sul Reiss

VISITARE LUCERNA, MERAVIGLIA D’INVERNO

Scritto da Ivan Burroni on . Postato in Famiglia, Weekend

Con l’apertura del nuovo tunnel del San Gottardo visitare Lucerna per il weekend ora è più semplice e veloce. Scopriamo assieme come vivere e cosa vedere a Lucerna d’inverno, le meraviglie di questa piccola gemma sul Lago dei Quattro Cantoni.

Andare a Lucerna in treno dentro il Tunnel del San Gottardo

Lucerna, Svizzera.
Le distanze si accorciano, i tempi si riducono, città che ieri distavano tra loro giorni interi di viaggio oggi si avvicinano come non mai. È questo lo scenario in cui s’inserisce la galleria di base del San Gottardo, il tunnel ferroviario più lungo del mondo, un traforo che attraversa il cuore della Svizzera per ben 57 km collegando Ticino italiano e Svizzera tedesca in soli 20 minuti. Entrato in funzione nel dicembre 2016, questo capolavoro dell’ingegneria ha fatto entrare a pieno titolo l’anno passato nella storia della Svizzera, dell’Europa e del mondo intero.

Così oggi per visitare Lucerna o Zurigo da Milano l’alternativa treno è sempre più allettante: rispetto al vecchio tracciato panoramico, che rimane comunque attivo, sono quasi 30 i minuti risparmiati per un Milano-Lucerna solo andata, che diventeranno un’ora con l’apertura del nuovo tunnel del Ceneri nel 2020. La bella città cattolica sul Lago dei Quattro Cantoni diventa ancora più attraente per un fuori porta di qualche giorno nel cuore della Svizzera tedesca.

 

Visitare Lucerna d'inverno: vista del Kapellbruecke e della Wasserturm
STORIA E TRADIZIONI: LA CITTÀ VECCHIA E IL CARNEVALE

Lucerna è una città d’acqua. La sua Altstadt sorge sulla foce del fiume Reuss, nella parte nordoccidentale del Lago dei Quattro Cantoni. La parte più bella di Lucerna è proprio quella che costeggia e attraversa il fiume, che divide la città in 2 parti collegate da 2 ponti, tra cui il Kapellbrücke, il ponte di legno coperto più antico d’Europa, costruito all’inizio del XIV secolo e prontamente ricostruito dopo il clamoroso incendio nel 1993. Da percorrere con la testa all’insù, ammirando i 110 pannelli dipinti che raccontano la storia e gli avvenimenti della città. Proprio a fianco del ponte di legno emerge dal fiume il vero simbolo di Lucerna, la Wasserturm, una torre difensiva del XIV secolo che nel tempo è stata usata come faro, prigione o edificio del tesoro.

La città vecchia è un bel mix architettonico con edifici medievali, chiese barocche, romantiche viuzze acciottolate e antiche piazze che nel weekend si affollano di gente. Tra queste la Mühlenplatz, la Weinmarkt e la decoratissima Kornmarkt, dove si trova il Rathaus e la sede affrescata della corporazione di Pfistern. Oppure la Kapellplatz, in cui troviamo la St. Peters-Kapelle e la Fontana di Fritschi, antica maschera del celebre Carnevale di Lucerna.

Cosa vedere a Lucerna in febbraio: il Carnevale, ovvio!

A proposito di carnevale, il Luzerner Fasnacht, il Carnevale di Lucerna, appunto, è senz’altro uno dei momenti top dell’anno per la cittadina elvetica: il 23 febbraio 2017, giovedì grasso, inizia con l’Urknall, letteralmente Big Bang, e il corteo della famiglia Fritschi, che segnano l’inizio dei grandi festeggiamenti carnevaleschi. Nei giorni successivi protagoniste le performance dei rumorosi e dispettosi Guggemuusige, il corteo Wey del lunedì grasso e Monstercorso, il concerto dei mostri di martedì 28 febbraio. E ogni giorno sfilate, balli in maschera e tanto divertimento.

ELEGANTE E MODERNA LUCERNA

La parte più moderna della città si sviluppa lungo il lago. Dalla parte della Bahnhofplatz, vicino alla stazione ferroviaria, troviamo il KKL, il Centro cultura e congressi di Lucerna, che ospita una tra le migliori sale da concerti al mondo e il Museo d’Arte.

Lungo il lago di Lucerna

Sulla riva opposta alla stazione troviamo eleganti viali alberati circondati da monumentali palazzi storici e dalle placide acque del lago. Superati i viali, costeggiando il palazzo del Casino, mentre cigni e germani reali s’immergono nelle fredde acque del lago alla ricerca di cibo, quasi ci si dimentica d’essere a pochi passi dalla città. Così si prosegue, immersi nella natura, tra ragazze in biciclette, silenziosi pescatori e giovani coppie che si danno la mano, fino al Museo dei trasporti, uno spazio d’intrattenimento per gli appassionati del genere e soprattutto per i più piccoli, che tra vecchi treni a vapore, cartelloni stradali e decine di attività ludiche, troveranno il loro piccolo paradiso. Oltre al museo nella struttura ci sono un planetario e un cinema 3D.

Visitare Lucerna: il museo dei trasporti di Lucerna, cartelloni stradali

Ritornando in centro un altro bel posto per grandi e piccini è il Gletschergarten, il Giardino dei Ghiacciai, parco a tema che sorge sul luogo di un antichissimo ghiacciaio, dove visitare il Löwendenkmal, il celebre monumento del leone morente, il museo polare, il labirinto degli specchi e la torre panoramica.

LUCERNA DALL’ACQUA

Tutte le strade portano al lago, presenza eterna e indiscussa della vita cittadina. In ogni stagione. Anche d’inverno si può scegliere da quale prospettiva viverlo, ammirarlo, goderlo. Se farlo dalla terraferma oppure salpando su uno dei numerosi battelli che ogni giorno fanno la spola tra le varie località sulle sue sponde, contemplando non solo la bellezza di Lucerna da un’altra prospettiva, ma anche l’immenso scenario che spazia dai fiordi al litorale che ripido supera i 1500 metri, fino alle cime del Monte Rigi o del Monte Pilatus, la più alta vetta delle Prealpi di Lucerna. Magari comodamente seduti su uno dei cinque lussuosi battelli a vapore ultracentenari in stile Liberty che navigano placidi tra Lucerna e Flüelen.

Cosa vedere a Lucerna d'inverno: battello sul lago dei Quattro Cantoni

Novità 2017: una nuova gigantesca motonave da cinque ponti e 1000 passeggeri entrerà in servizio a maggio. A bordo un ristorante con 400 posti a sedere, cabina Nautilus per incredibili vedute delle profondità lacustri, solarium e terrazza panoramica.

IL TACCUINO DI AGENDAVIAGGI

Come arrivare a Lucerna
Il treno è già una destinazione. Il comfort è altissimo, la puntualità fa impressione, i tragitti panoramici sono incredibili. Se per chi ha fretta il nuovo San Gottardo non ha rivali, quelli che hanno il tempo dalla loro possono godersi il vecchio percorso: 205 ponti e 7 tunnel elicoidali attraverso paesaggi montani d’incomparabile bellezza, per una delle strade ferrate più incantevoli dell’intero arco alpino.

Dove dormire a Lucerna
La scelta degli hotel è ampia. Anche se il prezzo medio per camera è in linea che il costo della vita svizzero, la città offre soluzioni per tutte le tasche. Anche se il plus della città è proprio la presenza di grandi hotel di charme. Tra l’altro dall’1 gennaio 2017 per chi pernotta in uno degli hotel di Lucerna c’è in omaggio il Lucerne Hotel Ticket, per viaggiare liberamente sull’intera rete dei trasporti pubblici della città. Il pass vale per tutta la durata del soggiorno.

Visitare Lucerna: vista dell'Hotel Schweizerhof di notte

Schweizerhof Hotel (nella foto qui sopra): quasi 170 anni di storia per l’hotel che ha ospitato alcuni dei personaggi più famosi e influenti del secolo scorso: tante storie da raccontare che s’intrecciano con la narrazione della Storia, ognuna a caratterizzare una delle 101 stanze, che se avessero fiato e corde vocali racconterebbero cose mai viste né sentite. Leo Tolstoy, Neil Armstrong, Richard Wagner, Jimmy Cliff, Winston Churchill e Giorgio Napolitano sono solo alcuni esempi delle centinaia di personaggi celebri che hanno dormito in questi letti e veduto le stesse bellezze che vede oggi chi sceglie questo hotel come rifugio per una visita a Lucerna.

Hotel Palace Luzern: nell’elegante città di Lucerna c’è spazio anche per il vecchio detto latino, salus per acquam. Soprattutto d’inverno, quando i bagni estivi sono ancora un miraggio. Tra le migliori spa di Lucerna proprio quella del Palace Luzern, un vero mélange di lusso, eleganza e quiete nell’hotel cinque stelle lusso che è icona del turismo d’élite da oltre un secolo. Qui troviamo il Marlin, l’unico ristorante di pesce di Lucerna.

Art Deco Hotel Montana: hotel costruito agli inizi del XX secolo, oggi Small Luxury Hotel of the World con 62 camere in perfetto stile Art déco, bel panorama, ristorante gourmet con 15 punti GaultMillau e la chicca delle 6 Penthouse Spa Suites con spa privata, doccia idromassaggio, bagno turco e Jacuzzi sul terrazzo.

Ibis Styles Luzern City Hotel: ottimo per la posizione centrale e il rapporto qualità prezzo imbattibile. Wi-fi gratuito.

Novità 2017: a 500 metri sopra il lago di Lucerna aprirà i battenti il Bürgenstock Resort. Tre hotel di lusso, centro benessere Healthy Living Center, residence-suite con servizio alberghiero e la Bürgenstock Alpine Spa, 10.000 metri quadrati di benessere in mezzo all’incantevole scenario delle prealpi svizzere.

Per info svizzera.it

Ivan Burroni
ivan@agendaviaggi.com

Foto dall’alto verso il basso:

1- © Ivan Burroni
2- © Ivan Burroni
3- © STST-STTP
4
© Switzerland-tourism
5- © Schweizerhof Hotel
6- © Ivan Burroni
7- © Switzerland-tourism
8- © SGV-Luzern
9- © Schweizerhof Hotel, foto di Elge Kenneweg  

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Ivan Burroni

Ivan Burroni

Personaggio dai mille interessi, la maggior parte dei quali ha una vita breve quanto quella di una farfalla Effimera. In mezzo al marasma di entusiasmo per le cose della vita tuttavia esistono delle costanti, tra le quali il viaggio e la scrittura. Sogna di unire alle sue due passioni anche l’altro grande amore: quello per la sociologia e lo studio dell’uomo. Cosa ama fare in vacanza? Affittare una vespa e girare senza meta, perdersi nella giungla cittadina o nella natura inesplorata di un luogo esotico e registrare impressioni su carta, magari su un tavolino che dà direttamente sull’oceano, con un bicchiere di vino in mano e la luce del tramonto che lentamente affievolisce per lasciare il posto all’ebbrezza della notte.

Commenti (2)

  • Chiaffredo

    |

    Grande, preziosi consigli e ammirazione x la tua autobiografia.. !!!

    Rispondi

    • Redazione

      |

      Grazie! 🙂

      Rispondi

Lascia un commento