SVIZZERA: DIECI MOTIVI PER VISITARE IL VALLESE

Scritto da Claudia Dagrada on . Postato in Destinazioni, TopTen

 

Il Cantone Svizzero del Vallese non è solo un paradiso per gli amanti degli sport invernali, ma una regione ricca di tradizioni culinarie e molto altro.
Neve immacolata, confortevoli chalet, aria pura della montagna, sport e relax: il Vallese è tutto questo, un vero e proprio paradiso per gli amanti della stagione invernale. Parliamo del cantone elvetico situato nel sud-ovest del Paese, precisamente nelle Alpi Pennine. Questa regione alpina, dove la media delle ore di sole è particolarmente elevata, propone un’ampia scelta di attività e di destinazioni. A dare il benvenuto ai visitatori, i più alti comprensori sciistici della Svizzera con oltre 2.000 chilometri di piste. Ecco allora dieci motivi per cui il Vallese può diventare la meta ideale per le prossime vacanze.

 


Cantone Svizzero del Vallese.

1 – Montagne che superano i 4.000 metri
Ben 45 vette oltre i 4.000 metri offrono un panorama incredibile, e una location spettacolare per chi pratica gli sport invernali. Fra sci, snowboard, slittino, sci escursionismo, trekking, gite con le racchette da neve e sci di fondo, gli appassionati della neve hanno solo l’imbarazzo della scelta.

2 – Le stazioni sciistiche più alte della Svizzera
Il Vallese è la regione svizzera più innevata, e con i comprensori sciistici più alti (fino a 3.800 metri d’altezza). Mentre la maggioranza delle stazioni apre i battenti da metà novembre, una parte degli impianti di Saas-Fee e Zermatt è in funzione tutto l’anno. Fino ad aprile inoltrato gli amanti della neve non resteranno delusi!


3 – Ben 2.000 chilometri di piste innevate

Impossibile annoiarsi con ben 2.000 chilometri di piste, suddivise in 36 comprensori sciistici. Chi trova nella montagna il proprio habitat ideale avrà pane per i suoi denti. Ma non solo: visto che molti comprensori sono aperti la sera, gli sci escursionisti possono allenarsi in tutta sicurezza anche in settimana.

4 – Un Patrimonio dell’Umanità UNESCO
Nel 2001 la regione Alpi Svizzere Jungfrau-Aletsch è stato il primo Patrimonio UNESCO di area alpina. Qui si trovano i monti Eiger, Mönch e Jungfrau che svettano sopra l’Aletsch, la lingua glaciale che con i suoi 23 chilometri è la più lunga delle Alpi. Numerosi sono i sentieri nei dintorni per andare alla scoperta del territorio.


5 – Sei stazioni termali in cui rigenerarsi

Oltre all’adrenalina degli sport invernali, si può godere anche del massimo relax nelle sei stazioni termali: Breiten, Brigerbad, Leukerbad, Saillon, Ovronnaz e Val-d’Illiez. Delle sorgenti d’ispirazione che, grazie alle virtù benefiche dell’acqua alpina, permettono di rigenerarsi ed evadere dalla frenesia quotidiana.

6 – Vitigni per un’enoteca a cielo aperto
Il Vallese non smette di sorprendere: con i suoi 5.300 ettari di vigneti, non è solo il più grande cantone vitivinicolo della Svizzera, ma anche quello con la più ricca varietà di vitigni. Una cinquantina i vini vallesani DOC: Arvine, Cornalin, Humagne rouge, Fendant, Heida, Syrah e molti altri aspettano solo di essere degustati.


7 – Ottime specialità gastronomiche

Oltre al buon vino, il Vallese può contare anche sulle sue specialità gastronomiche. Qui si trova il più alto numero di ristoranti per abitante della Svizzera. Nell’edizione 2017, la guida Gault&Millau ha recensito ben 72 ristoranti vallesani, mentre altri 11 sono stati insigniti delle prestigiose stelle della Guida Michelin.

8 – Otto prodotti DOP/IGP
Nella lista dei prodotti svizzeri DOP (AOP) e IGP ci sono ben otto prodotti vallesani, dalla raclette alla carne secca, dal pane di segale allo zafferano fino al distillato di pere. Grazie all’attaccamento alla natura dei produttori locali, le specialità vallesane rappresentano un quarto di quelle autorizzate a fregiarsi di questi marchi.

9 – Su misura per le famiglie
Il Vallese vanta un ricco ventaglio di offerte ad hoc anche per le famiglie. Otto mete sono state insignite del marchio “Famiglie Benvenute” dalla Federazione svizzera del turismo (FST): Aletsch Arena, Bellwald, Blatten-Belalp, Crans-Montana, Grächen – Saint-Nicolas, Nendaz, Saas-Fee e Zermatt – Matterhorn (Cervino).


10 – Una terra ricca di tradizioni secolari

Numerose sono le tradizioni e i costumi mantenuti nel corso dei secoli. Ad esempio, durante il Carnevale creature selvagge avvolte in costumi di paglia e con maschere di legno, frutto di un lungo lavoro artigianale, si aggirano per le strade nel tentativo di scacciare l’inverno e gli spiriti maligni.

InfoCantone Svizzero del Vallese
Svizzera 


Claudia Dagrada

Trackback dal tuo sito.

Claudia Dagrada

Claudia Dagrada

Viaggiatrice compulsiva zaino in spalla, ama esplorare il mondo in compagnia di se stessa, della macchina fotografica e di un buon libro. Forse per il fatto di essere noiosamente milanese purosangue, appena può prende un volo aereo per raggiungere un paese possibilmente oltreoceano, e senza prenotare nulla. Con una predilezione per il Sud-Est asiatico, ha lasciato il cuore a New York e aspetta con ansia di approdare in Sud America. Tutte queste passioni le riversa nel suo blog dedicato alle marziane che, come lei, amano viaggiare in solitaria. Autrice di Prontechesiviaggia.com

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.