Querceto_castello_ginori

M’ARTE 2017, arte contemporanea nei borghi della Toscana

Scritto da Ermanno Lucchini on . Postato in Appuntamenti, Cultura, Turismo, Weekend

Montegemoli
Val Cecina (Pisa), Italia.

Montegemoli, piccolo borgo di 26 abitanti, li ha invitati a creare ed esporre le loro opere nei paesi medievali dell’Alta Val Cecina, all’interno di una cornice paesaggistica, storica e culturale unica. E gli artisti hanno risposto: Pomarance, Volterra, Montegemoli, Querceto e Larderello fino al 2 luglio espongono installazioni e opere di arte contemporanea, video e fotografie in spazi privati, chiese, chiostri, musei, strade e piazze.
M’Arte. Montegemoli Arte è un progetto di arte contemporanea, a cadenza biennale curato da Eleonora Raspi e ideato e promosso dalla Pro Loco Montegemoli, con  la collaborazione di Accademia Libera Natura e Cultura di Querceto, che mette insieme le  suggestioni  paesaggistiche, naturali  e monumentali di questa stupenda parte di Toscana, intatta, e i suoi abitanti con gli interventi  di un gruppo di artisti, critici e professionisti del mondo dell’arte.

eleonora manca - opera
MERAVIGLIATI DAL PAESAGGIO, STUPITI DALL’ARTE “NUOVA

Nelle Scuderie e nelle sale del Museo Casa Bicocchi di Pomarance Lino Strangis presenta le sue ipnotiche videoinstallazioni nella mostra “Rivelazione antropoeccentrica”, a cura di Maurizio Marco Tozzi. Immagini che catturano e avvolgono lo spettatore in un mondo incantato, spesso onirico, e che si inseriscono in un contesto straniante come lo stupendo Palazzo Bicocchi, visitabile venerdì, sabato e domenica dalle 16 alle 20.
A Montegemoli, cuore pulsante della rassegna, gli artisti hanno realizzato lavori totalmente site specific interessando tutto il borgo. Tom Mùller, artista svizzero attivo in Australia, ha creato l’opera visiva “Floating Castle”: lavoro di grande suggestione realizzato da luci e macchine di fumo capaci di produrre vapore acqueo di color magenta che avvolgono il castello, dando l’impressione di farlo volare tra le nuvole. L’installazione è attiva il sabato e la domenica dalle 18 alle 24.
Laura Cionci nel vecchio forno del paese, noto anche per la produzione del famoso “pane di Montegemoli”, associa i ritratti fotografici degli abitanti del borgo con una raccolta di piante e fiori locali in modo di aggiungere all’immagine digitale profumi e odori naturali. Franco Menicagli propone invece una installazione di arte povera in un garage.
Eleonora Manca allestisce una mostra di immagini sul tema della memoria nel vecchio lavatoio, mentre il videomaker Alessandro Amaducci colloca le sue installazioni formata da sequenze di fotografie e video single-screen in una vecchia stalla.

Strangis
L’edizione M’ARTE 2017   trae ispirazione dal testo lucreziano “De rerum natura” e invita i suoi protagonisti a riflettere e lavorare sulla parola “natura”, intesa come prismatico contenitore di significati e suggestioni. Main sponsor di “M’Arte 2017. Montegemoli Arte” è Enel Green Power insieme ai contributi di Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra e Comune di Pomarance. Patrocinio del Comune di Pomarance e dei Comuni di Volterra e Montecatini Val di Cecina, Provincia di Pisa e Regione Toscana con il supporto dell’Associazione Turistica Volterra Val di Cecina.

Una mostra collettiva degli artisti che partecipano a M’ARTE 2017, alla Pinacoteca Museo Civico di Volterra, è aperta tutti i giorni dalle 8 alle 19, costo del biglietto 8 euro ridotto 6 euro.

Info: M’ARTE 2017;  tel. +39 328.9364553.


Ermanno Lucchini

Laura-cionci-e-la-sua-opera-a-Montegemoli

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Ermanno Lucchini

Ermanno Lucchini

Elettrizzato da Londra a 14 anni, da allora Ermanno Lucchini non ha più smesso di viaggiare: da Lodi a Milano, tutti i giorni, casa-redazione redazione-casa (prima ad Altroconsumo, poi negli ultimi vent’anni a Io donna, il femminile del Corriere della Sera). Qualche parentesi: Madagascar, Polinesia, Ngorongoro, Cina, India, Messico, Cuba, Stati Uniti, Germania (in bici: lungo il Reno, sul lago di Costanza, a Monaco, a Berlino, a Kassel per Documenta). A 59 anni si ostina a pedalare e a prendere treni affollati e quasi sempre in ritardo: dice che è la miglior terapia per rimanere vivo. E vegeto.

Lascia un commento