L’Italia esperienziale al World Travel Market di Londra

Scritto da Redazione on . Postato in Appuntamenti, Travel Operator, Turismo

Al centro dell’edizione 2018 la visione del turismo come un sistema di esperienze create dall’uomo per l’uomo al fine di promuovere una crescita in termini di valore oltre che di volume.

 

 

 

 

Londra, Regno Unito
Si è conclusa il 7 novembre 2018 la 38esima edizione di WTM Londra, una tra le più importanti manifestazioni internazionali dedicata all’industria del turismo, ospitata negli spazi dell’ExCel London.

Claim della fiera, articolata in un programma di tre giorni fitto di eventi, è Ideas Arrive Here, a sottolineare la sua indole interattiva e la finalità di apportare innovazione creativa nel sistema a più livelli.

Impossibile per i circa 51mila visitatori sfuggire ai continui stimoli provenienti dagli stand dei 182 paesi presenti, organizzati in due grandi contenitori aperti e separati da un corridoio centrale che da ovest a est pone in dialogo da una parte le Americhe, Asia e Africa e dall’altra l’Europa con Regno Unito e Irlanda, International Hub e la zona Travel Forward lanciata con l’intento di ispirare l’industria del viaggio mediante l’interazione con le più moderne tecnologie. Altre interessanti novità di questa edizione sono la presenza di otto Insiration zones, a cadenzare lo spazio con eventi specifici volti a semplificare il fluire delle idee, e il WTM Agency Pavilion, area dedicata ai canali del Marketing, Digital Influencer e Social Media per agevolare le connessioni di queste professionalità con il settore del turismo.

Obiettivo principale dell’evento, cosi come dichiarato dal direttore Simon Press, è quello di sbloccare le idee e sbloccare i confini. Una proposta forse audace, poiché in contrasto con la scena politica attuale, ma che proprio grazie a questo contrasto risalta maggiormente per concretezza di risultati. L’atmosfera accogliente e caleidoscopica fa solo da sfondo a idee che in maniera univoca perseguono l’obiettivo di porre al centro l’uomo in quanto essere relazionale. È scontato dire che la comunicazione sia un ingrediente fondamentale per strutturare un progetto turistico vincente ma, non è altrettanto scontato, l’interesse a declinare il concetto di comunicazione in modo tale da far risaltare valori quali collaborazione, unità, accoglienza, solidarietà.

Tematiche affrontate con particolare interesse all’interno del padiglione Italia, il più esteso della fiera, promotore di una cultura orientata all’accoglienza intesa quale volano di crescita sostenibile. A emergere tra i vari trend, quello del turismo esperienziale viene riconosciuto come territorio fertile per innovare proprio grazie all’incontro delle capacità relazionali insite nella nostra cultura con la necessità del viaggiatore contemporaneo di praticare esperienze partecipative e immersive, non solo dal punto di vista digitale! Spazio, allora, all’experiential learning e a tutte quelle attività in grado di arricchirci stimolando la mente o mediante esperienze pratiche dirette.

In tale prospettiva, l’idea di Maria Elena Rossi, direttore Marketing e Promozione Enit, è di promuovere nei prossimi anni un turismo slow e active, interessato a coinvolgere i viaggiatori e a rispettare il patrimonio, puntando a una crescita valore piuttosto che esclusivamente a una crescita volume.

Le undici regioni presenti in fiera rispondono a queste sollecitazioni proponendo esperienze legate innanzitutto alla gastronomia, ancora fulcro trainante del settore, ma spostando gradualmente l’attenzione anche verso nuovi scenari come quello delle esperienze outdoor delle crociere, escursioni, trekking e cicloturismo. Lo scopo? Offrire al visitatore la possibilità di interagire con il contesto sia a livello fisico che emozionale osservandolo da nuovi punti di vista e, soprattutto, immergendosi nei luoghi filtrandoli attraverso l’esperienza di chi li vive quotidianamente. Tutto ciò si tramuta in iniziative come quella campana di promozione della nuova guida enogastronomica regionale Campania. Places, flavours, excellences con la proposta di un menù tipico in cinque ristoranti londinesi o gli appuntamenti di showcooking e le lezioni di cucina della regione Puglia che, sempre nella direzione della valorizzazione delle risorse locali, presenta una vivace offerta mirata a esplorare itinerari diversi a seconda delle proprie esigenze o curiosità. Una posizione analoga a quella dell’Emilia Romagna che, dalla copertina del magazine britannico ABTA, invita i turisti a preferire itinerari minori e località poco conosciute da scoprire muovendosi rigorosamente a piedi, in bicicletta o in auto.

Sempre nella direzione della valorizzazione di aree dal forte potenziale di sviluppo, la regione Lombardia sostiene il trend esperienziale con la presentazione in conferenza stampa di due progettualità con cui intende farsi portavoce di una missione, già ampiamente dichiarata con il progetto della piattaforma DMO Explora e il brand inLombardia , di rendere il settore del turismo promotore di inclusione sociale e cooperazione intesa come filosofia comunicativa, oltre che strategia di business. Si tratta della celebrazione di 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, alla quale seguirà quella di Raffaello e di Dante, attraverso un palinsesto di iniziative rivolte a promuovere la sua opera intesa come patrimonio ereditato al quale continuare ad attingere per stimolare il tessuto produttivo e creativo della regione, e il concept Double your Journey in Italy, in collaborazione con la regione Puglia, che mira invece ad accorciare le distanze in senso fisico, facilitando gli spostamenti, e incentivando l’integrazione con la pianificazione di percorsi strutturali dal forte appeal economico e culturale, in modo da spingere verso permanenze più lunghe sul nostro territorio e verso un maggiore interesse rivolto a borghi minori e contesti emergenti.

Prossimi appuntamenti WTM 2018 sono WTM America Latina (2-4 Aprile), WTM Africa (10-12 Aprile), Arabian Travel Market (28 Aprile – 1 Maggio) e la prossima edizione del WTM Londra in programma all’ExCel dal prossimo 4 al 6 novembre 2019.

Info www.london.wtm.com

 

Anna Gallo

 

 

 

Trackback dal tuo sito.