IN FLORIDA DA MIAMI A KEY WEST ATTRAVERSANDO LE ISOLE KEYS

Scritto da Pamela Cazzaniga on . Postato in viaggi senza barriere

Miami Beach con le acque turchesi e i km di spiaggia, la baia di Biscayne, il quartiere cubano di little Havana, il parco nazionale delle Everglades e le isole Keys, collegate alla Florida dal lungo viadotto “Seven Mile bridges”.


Florida, Stati Uniti
.
Se si pensa alla Florida viene subito in mente Miami Beach, isola a sud del Paese collegata alla Miami continentale da lunghi ponti. Ci troviamo negli States, tra il Golfo del Messico, l’Oceano Atlantico e lo stretto di Florida. Confina a nord con la Georgia e ad ovest con l’Alabama. E’ il quarto Stato più popoloso degli Stati Uniti con quasi venti milioni di abitanti. La capitale politica è Tallahassee, ma l’area metropolitana più conosciuta e affollata è quella di Miami. La Florida ha attratto a sé parecchi scrittori, tra i quali Ernest Hemingway e Tennesee Williams e la sua cultura è stata influenzata da quella anglosassone, indios, afro-americana e ispanica.

La zona più turistica di Miami Beach è South Beach, dove lo stile Art Decò, composto da moltissimi immobili caratterizzati da forme cubiche, sferiche e da linee rette, decorano l’intera area. Le insegne con le luci a neon colorate sono solo alcuni degli elementi compositivi dell’Art Decò Historic Districts. Nonostante siano datati tra il 1925 e il 1940, tutti gli stabili sono stati rinnovati e ristrutturati per far si che questa zona turistica rimanga sempre molto glamour. Gli edifici più importanti della zona si estendono lungo Ocean Drive, fra la sesta e la settima strada. La più famigerata è Ocean Drive, lunga strada con un largo marciapiede contornato da palme che si affaccia direttamente sulla spiaggia. Di giorno la vita è molto vissuta e popolata dalla gente che si reca al mare, mentre di notte la zona si colora con le luci al neon dei tanti locali. I marciapiedi di Ocean Drive sono muniti di rampe per salire e scendere con la sedia a rotelle, mentre le larghe spiagge non presentano passerelle. Non è semplice raggiungere il mare in carrozzina, ma si è aiutati dai bagnini che ci trasportano con i loro pick-up.

Miami ha un’influenza cubana molto evidente, tanto da dedicare vero e proprio un quartiere all’isola di Cuba.  Little Havana è residenza di molti immigrati cubani in fuga dal regime di Fidel Castro, ma anche di molti altri ispanici. Prende il nome dalla capitale “L’Avana” ed è situata nella zona ovest di Downtown Miami. Passeggiando lungo Calle Ocho ci si imbatte in murales variopinti e si passa davanti alla targa commemorativa dell’isola di Cuba fino a raggiungere il monumento per la Baia dei Porci. In questa strada convivono numerosi artigiani di sigari, sempre pronti a venderli ai turisti più appassionati. La musica risuona ovunque e le decine di ristoranti propongono piatti tipici della cucina cubana. In questa strada si trova anche la “Walk of Fame” dedicata alle star cubane più celebri.

Trenta minuti di auto separanoMiami Beach dal Parco Nazionale delle Everglades, uno degli ecosistemi più straordinari del mondo! Trattasi di una grandissima palude dove il Kissimmee River si getta nel Lago Okeechobee. L’Everglades National Park è un’area protetta che occupa circa un quinto della superficie delle Everglades e nel 1947 entrò a far parte del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Il suo ecosistema è formato da acqua dolce e salata, da flora e da fauna, da piante marine e da alberi da cocco e  palme. Ma i veri protagonisti sono gli alligatori che vivono qui e che, con altri animali, contribuiscono a creare un ambiente equilibrato. Il modo migliore per visitare il parco è quello di percorrerlo con una barca-lancia che sfreccia a tutta velocità sulla superficie dell’acqua. Da qui è possibile ammirare coccodrilli, tartarughe e uccelli di vario genere. Queste imbarcazioni non hanno l’accesso per le carrozzine, ma si può salire tranquillamente facendosi aiutare dagli addetti del parco. Mentre il percorso a piedi è interamente accessibile con bagno per disabili lungo il tragitto.

Procedendo ancora più a sud si accede alle “Florida Keys”, un arcipelago di circa 1700 isole collegate alla terra ferma dai lunghi ponti della Seven Mile Bridge. Si estendono per 160 Km tra l’Oceano Atlantico e il Golfo del Messico. La natura selvaggia, le spiagge incontaminate, il mare trasparente e la barriere corallina si fondono in questo paradiso situato nella parte meridionale della Florida. La prima isola che si incontra, nonché la più grande, è Key Largo dove si può far visita al  “John Pennekamp Coral Reef State Park” per approfittare di fare snorkeling nella barriera corallina “Florida Reef”. Poi si procede per Islamorada, altra bellissima isola conosciuta principalmente per Anne’s Beach, spiaggia dal mare limpido. Middle Keys, dove nuotare assieme ai delfini del “Dolphin Research Center” , Lower Keys ed il centro cittadino di Big Pine Key fino ad arrivare all’ultima, ma non di certo per importanza, Key West, a sole 90 miglia di distanza da Cuba. A Key West termina la Overseas Highway, quindi lasciate l’auto posteggiata e girate a piedi per Duval Street, il centro nevralgico dell’isola. Ammirate i tramonti più belli di sempre e abbuffatevi di crostacei! E non dimenticate di sorseggiare un buon cocktail a base di rum trasportato dalla vicina Cuba!

 

IL TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

IMPERDIBILE
Ex villa di Gianni Versace sulla Ocean Drive di Miami Beach. Il suo nome è “Villa Casuarina“, triste cornice del suo omicidio nel 1997. Dopo alcuni cambi di proprietà oggi è diventata un hotel a cinque stelle.  Memoriale dell’olocausto di Miami beach, commemorativo delle vittime della Shoa. Fu commissionato da un gruppo di sopravvissuti all’olocausto nel 1984 e fu progettato da Kenneth Treister. E’ stato aperto al pubblico nel 1990 e alla cerimonia prese parte il premio nobel Elie Wiesel. Gli amanti dello shopping non devono perdersi la galleria commerciale Bayside Marketplace, situata nella Downtown di Miami. Più di 124 negozi con brand nazionali ed internazionali, ristoranti, tra cui il Bubba Gump, diventato famoso grazie al film “Forrest Gump” ed un padiglione per i concerti. La struttura si affaccia sulla Baia di Biscayne ed è totalmente accessibile in sedia a rotelle. Casa e museo di Ernest Hemingway a Key West. E’ accessibile solo il giardino ed il piano terra, poi solo scale. Durante le visite guidate (solo in inglese) è possibile vedere anche lo studio del famoso scrittore. Passeggiando attorno al giardino dell’abitazione ci si imbatte in numerosi gatti. Mallory Square, accogliente piazza di Key West dove si ritrovano non solo gli artisti di strada, ma anche e soprattutto i turisti che accolgono il tramonto con uno scroscio di applausi.

DOVE MANGIARE
Ristorante dell’Hotel Colony in Ocean Drive a South Beach. Anch’esso in stile Srt Decò, costruito nel 1935, è stato utilizzato per le riprese del film Scarface con Al pacino. Il ristorante è accessibile in sedia a rotelle, mentre l’hotel no. My Ceviche in Washington Avenue, ristorante di pesce con possibilità di take-away. Consigliato il pesce marinato al lime. Balans Restaurant, situato in Lincoln Road. Cucina americana, internazionale e per vegetariani. La Carreta, ristorante cubano a Little Havana. Ottima qualità e ambiente caratteristico. Sloppy Joe’s a Key West. Questo pub, consigliato per gli happy-hour, era il preferito di Hemingway che lo frequentava assiduamente. All’interno vi sono tantissime fotografie dello scrittore in diverse fasi della sua vita. Sarabeth’s Key West per gustare le chele di granchio più appetitose al mondo!

DOVE DORMIRE
Double Tree Resort & Spa by Hilton Hotel Ocean Point
. Situato in Collins Avenue, a pochi passi dal mare, questo elegante hotel con centro termale è situato in una zona centrale di Miami South Beach. Al check-in il personale offre dei buonissimi coockies caldi al cioccolato di produzione propria. Hotel handicap-friendly con piscina esterna riscaldata. La colazione è abbondante mentre il ristorante propone piatti gourmet a base di frutti di mare. Hyatt Centric Key West Resort, hotel di lusso sulla spiaggia con ristorante di pesce, spa, piscina scoperta e wi-fi gratuito. Si trova nei pressi di Mallory Square, è totalmente accessibile in sedia a rotelle e, grazie alla sua strategica posizione, si possono ammirare i tramonti più belli dell’isola.

InfoMiami 

 

Pamela Cazzaniga

Trackback dal tuo sito.

Pamela Cazzaniga

Pamela Cazzaniga

Solare, vivace ed esuberante ama da sempre le lingue e i viaggi. Vive in provincia di Lecco, vicina alla soglia dei 40 anni è da 18 su una sedia a rotelle a causa di un brutto incidente stradale. Dopo aver superato il trauma ha ripreso a girare il mondo e, sull’onda di questa grande passione, nel 2014, ha aperto un blog “ilmondodipamela.it” per stimolare i disabili a viaggiare. Felice di collaborare con Agendaviaggi che le permette di realizzarsi come donna, viaggiatrice ma soprattutto come disabile. Il suo motto è “crederci sempre arrendersi mai!”

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.