COSA VEDERE A STOCCOLMA, LA CAPITALE DELLA SVEZIA POSTA SULLE SPONDE DEL MAR BALTICO

Scritto da Pamela Cazzaniga on . Postato in viaggi senza barriere

Stoccolma la capitale della Svezia si snoda su 14 isole che dal lago Malaren si distendono fino al Mar Baltico. I suoi musei raccontano ben 700 anni di storia, la città vecchia di Gamla Stan è perfettamente conservata tra le stradine medievali ed i colori della natura la rendono unica ed inimitabile.


Stoccolma, Svezia.

Guida alle attrazioni principali in quattro giorni di viaggio.

Stoccolma in autunno è magica: le foglie assumono sfumature che variano dal giallo al rosso, e cadendo a terra fanno da contorno ai panorami circostanti. Posta nella parte orientale del paese, questa capitale del nord europa è sede del parlamento e del governo nonché residenza di re Carlo Gustavo XVI. Dicono che il modo migliore per visitarla sia quello di prendere un battello che effettua il giro dell’arcipelago. In effetti dall’acqua si ha una visione più completa ed una conoscenza più ricca della città. A poco a poco che si esce dall’abitato la natura prende il sopravvento ed ecco che boschi e casette tipiche la fanno da padrona. Vi sono diverse tipologie di tour, da quello di 50 minuti alla navigazione di un intera giornata. Alla biglietteria dei due moli da dove partono le imbarcazioni, Stromkajen e Nybrokajen, trovate tutte le info riguardanti gli itinerari, la durata ed il costo. Attenzione: non tutti i battelli sono muniti di pedana per l’accesso alle sedie a rotelle.

Gamla Stan è la parte più antica della città, dove si respira un’aria prettamente medioevale grazie soprattutto alle viuzze acciottolate caratterizzate da tetti a punta e case colorate mischiate ai negozi di artigianato aperti ogni giorno fino alle 19. Il cuore pulsante di questo quartiere è piazza Stortorget, punto più elevato della capitale dove ha avuto inizio la prima urbanizzazione di Stoccolma. Non passa di certo inosservato lo Borshuset, il palazzo della Borsa di proprietà dell’Accademia Svedese che viene utilizzato, tra l’altro, per annunciare i nomi dei vincitori del Premio Nobel della letteratura. Piazza Stortorget, nel medioevo, era la sede del mercato cittadino più importante di Stoccolma, dove venivano scambiati i prodotti provenienti dal Mar Baltico e dalle parti più interne della Svezia. La via superiore alla piazza porta dritti di fronte alla cattedrale di Stoccolma, Storkyrkan in lingua locale. I suoi interni sono molto particolari e caratterizzano maggiormente la cattedrale rispetto agli esterni spogli e poco sontuosi. Peccato manchi la rampa all’ingresso che permette alle sedie a rotelle di entrare.

Stoccolma è una città ricca di musei, ne ospita più di 70 divisi per quartiere. La scelta è davvero complessa ma allo stesso tempo varia. Il più visitato è senza dubbio il Museo Vasa sito sull’isola di Djurgarden. Fu inaugurato nel Giugno del 1990 ed espone l’unica nave rimasta intatta appartenente al XVII secolo. Trattasi di un galeone svedese che purtroppo affondò durante il suo viaggio inaugurale nel 1628. Un altro che ho apprezzato moltissimo è lo Skansen, anch’esso sito sull’isola di Djurgarden. E’ un museo all’aperto molto antico dove è possibile ammirare anche gli animali tipici del nord Europa. Fu fondato nel 1891 con lo scopo di preservare e mostrare ai visitatori gli usi e i costumi svedesi prima che arrivassero le industrie. Passeggiando per le stradine si incontrano case e fattorie di una volta dove si può perfino acquistare prodotti locali. A Skansen il tempo si è fermato ed è veramente fantastico poterlo constatate di persona. Seguendo le indicazioni si arriva fino alla parte alta, dove sono custoditi gli animali del nord: orsi bruni, alci, barbagianni, maiali nativi svedesi, lupi grigi, linci e molti altri. Un vero spettacolo della natura! Entrambi i musei sono accessibili in carrozzina con bagni per disabili lungo i percorsi.


IL TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

ACCESSIBILITA’ IN SEDIA A ROTELLE
Sono soddisfatta di aver constatato che tutte le stazioni della metropolitana sono accessibili così come i bus che girano per la città. Anche i pullman rossi che effettuano il sightseeing, Hop-on Hop-off, sono muniti di pedana per salire e scendere senza fatica. Nelle attrazioni principali vi sono bagni per disabili, al contrario non si trovano sempre nei ristoranti.
Info: Bus Turistico Stoccolma  

IMPERDIBILE
Skogskyrkogarden, noto come cimitero nel bosco. E’ situato nella parte meridionale di Stoccolma, precisamente nel quartiere di Enskede. Se volete uscire dai soliti circuiti turistici questo è il luogo che fa per voi. E’ stato iscritto dall’Unesco nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità nel 1994. Tra le numerose tombe vi è quella dell’attrice Greta Garbo ma, per arrivarci, vi sono dei gradini. Perché visitarlo? Somiglia più a un bosco dove fare jogging e passeggiare che a un vero e proprio cimitero. Museo degli Abba, sull’isola di Djurgardsvagen. Divertente ed interattivo, ripercorre a tappe la storia della mitica band svedese che ci ha regalato tante belle canzoni  rimaste nella storia. ABBA The Museum espone filmati, oggetti, abiti ed anche i loro strumenti musicali racchiusi nella sala di registrazione. Tutto il materiale inedito proviene dalle collezioni private dei quattro membri della band. Totalmente accessibile. Tunnelbana, visita delle metropolitane di Stoccolma. Viaggio tra arte e design per scoprire le stazioni più belle della città. E’ stata rinominata la galleria d’arte più lunga del mondo per un totale di 110 km. Inoltre espone opere di più di 150 artisti differenti. Con il biglietto di una singola corsa potete andare alla scoperta di questo tour sotterraneo. Che dire: un vero e proprio capolavoro! Tra la mie preferite vi sono Radhuset con la sua grotta dal soffitto di lava, T-centralen con disegnati dei lavoratori alternati a motivi floreali, Stadion con l’arcobaleno che spicca nello sfondo azzurro del cielo e Solna centrum dove un cielo color rosso fuoco sembra cadervi addosso.

DOVE MANGIARE
In Svezia è d’obbligo mangiare pesce fresco, dal fish and chips  al merluzzo fino al salmone proposto in tutte le salse. Subito seconda al pesce troviamo la carne, molto diffusa nei mercati oltre che nei ristoranti. Renna, alce, montone, vitello e maiale vengono accompagnate quasi sempre dalle patate. Il dolce tradizionale della Svezia è lo spettkaka, preparato con uova, fecola di patate e zucchero. L’impasto viene cotto allo spiedo e ricoperto con glassa di zucchero. Il Pelikan è un ristorante tipico che propone cucina svedese. Piatto consigliato: pyttipanna, ovvero polpette di carne saltate in padella con olio e cipolla. Ai i più raffinati consiglio il Riche, che unisce la cucina svedese a quella francese. Piatto consigliato: raggmunk, grattuggiato di patate unito a latte, farina e uova. Viene poi fritto in padella e servito con delle marmellate.

DOVE DORMIRE
Hotel Comfort Stockholm
. Posizione centralissima a pochi passi dalla stazione centrale e proprio di fianco alla fermata dell’Arlanda Express. Semplice ma allo stesso tempo funzionale. Camere piuttosto piccole, ma non dimentichiamoci che siamo nel nord dell’Europa e la loro misura standard è ridotta rispetto alla nostra. Buona prima colazione servita al piano terra nella sala accanto alla receptio. Free wi-fi, possibilità di effettuare escursioni, ascensore, bar, porter-service. Struttura handicap-frienfly.


Pamela Cazzaniga

Trackback dal tuo sito.

Pamela Cazzaniga

Pamela Cazzaniga

Solare, vivace ed esuberante ama da sempre le lingue e i viaggi. Vive in provincia di Lecco, vicina alla soglia dei 40 anni è da 18 su una sedia a rotelle a causa di un brutto incidente stradale. Dopo aver superato il trauma ha ripreso a girare il mondo e, sull’onda di questa grande passione, nel 2014, ha aperto un blog “ilmondodipamela.it” per stimolare i disabili a viaggiare. Felice di collaborare con Agendaviaggi che le permette di realizzarsi come donna, viaggiatrice ma soprattutto come disabile. Il suo motto è “crederci sempre arrendersi mai!”

Lascia un commento