CONTINUA IL MIO TOUR NELLE CAPITALI BALTICHE: DA TALLINN A HELSINKI IN TRAGHETTO

Scritto da Pamela Cazzaniga on . Postato in viaggi senza barriere


Dopo Vilnius e Riga è la volta di Tallinn, capitale dell’Estonia affacciata sul Mar Baltico. Il suo centro storico è fortificato da torrette e mura al cui interno si trovano caffè e negozi di artigiani. Piazza Raekoja è un autentico gioiello estone utilizzato per festival, concerti e per i mercatini di Natale. In cima alla collina di Toompea invece svetta la cattedrale ortodossa di Aleksander Nevskij. A sole tre ore di navigazione dal porto passeggeri di Tallinn si raggiunge la capitale della Finlandia. Helsinki è una città moderna, vivace, molto pulita e ordinata. Qui hanno sede il parlamento, il governo, sette università e le sedi dei vescovi avangelico-lterani, cattolici e russo-ortodossi.

Tallin, Estonia.
Tallinn conserva il fascino di città medioevale grazie ad una sapiente ristrutturazione delle sue bellezze artistiche. E’ stata nominata Capitale Europea della Cultura nel 2011, vanta uno dei centri storici meglio conservati d’Europa appartenente al Patrimonio UNESCO dal 1997 ed è dominata dalla collina di Toompea che ha dato i natali al primo centro urbano. Tallinn non è solo la capitale dell’Estonia, ma è anche considerata uno dei maggiori scali cantieristici del Mar Baltico data la sua posizione sulla costa meridionale del Golfo di Finlandia ad appena 70 km da Helsinki. La popolazione di Tallinn ammonta a circa 445.000 abitanti e, secondo un’indagine Eurostat, è la capitale europea con la più alta percentuale di abitanti extracomunitari. Questo è dovuto al fatto che, ai tempi dell’Unione Sovietica, molti cittadini delle altre repubbliche sovietiche si trasferivano in Estonia per lavorare come manovali.

La cinta muraria della città vecchia è composta da ben 46 torri difensive e le sue strade acciottolate sono accompagnate da case color pastello, chiese con guglie che sfiorano il cielo, tetti a punta, gallerie d’arte e caffè d’epoca. Anche se non si segue un itinerario ben preciso, nella old-town è bello vagare per le viuzze lasciandosi affascinare dalle meraviglie che la circondano.
Ho trovato molto suggestivo questo intrinseco di strade che conducono tutte al cuore della città, ovvero Raekoja Platz (Piazza del Municipio). La maestosità del municipio, il trittico di casette colorate che costeggia uno dei lati ed i ristorantini tipici la rendono magica e surreale allo stesso tempo! Vi consiglio vivamente di passare da questa piazza anche la sera, quando le luci la riflettono in tutta la sua bellezza! Sul suo lato nord vi è una farmacia antichissima che produce e vende pozioni magiche. Al suo interno è possibile visitare anche il laboratorio, ma purtroppo non vi è l’accesso per le sedie a rotelle.
Attraversando un piccolo tunnel accanto alla farmacia ci si trova di fronte alla casa della confraternita delle teste nere. Lo splendido portone in legno d’ingresso risale al 1640. Quella che era storicamente la sede delle teste nere, corporazione medievale costituita da giovani commercianti celibi, oggi è utilizzata per concerti e eventi di gala. Gli interni sono inaccessibili in carrozzina.
Da questo punto, percorrendo la strada in discesa, si giunge alla Chiesa di San Nicola, distante soli 50 metri da Piazza del Municipio. Anche questa chiesa è inaccessibile in sedia a rotelle. Nei pressi vi è il famigerato Passaggio di Santa Caterina, uno dei luoghi più pittoreschi del centro storico di Tallinn. Il passaggio è accessibile in carrozzina anche se la strada presenta un importante ciottolato, così come tutto il resto della parte vecchia. Attorno a questa via vi sono numerose botteghe di artigiani e artisti che mettono in mostra le loro opere. Il passaggio è illuminato anche la sera.

Raggiungere la collina di Toompea in carrozzina è possibile… Su un lato della lunga strada in salita c’è un largo marciapiede asfaltato. Dall’alto la vista è impagabile ed è possibile contemplare tutta la città visitando i due punti di osservazione. Il primo belvedere lo si trova subito a destra ed è il Kohtuosa Vaateplats, accessibile tramite una rampa. Da qui i tetti rossi si mescolano alle torri a punta mentre fa da sfondo lo skyline del nuovo quartiere finanziario. Sul lato opposto di Toompea si trova invece Patkuli Vateplaatvorm, dove è visibile dall’alto tutta la old-town racchiusa nella cinta muraria. Anche questo punto di osservazione è accessibile in sedia a rotelle.
In cima alla collina svetta imponente la Cattedrale ortodossa di Aleksandr Nevskij. Questa grande testimonianza della chiesa russa in Estonia purtroppo non è accessibile in sedia a rotelle. Ma le sue vistose cupole a cipolla e le sue croci luccicanti meritano senza dubbio una visita anche solo esternamente. Proprio di fronte, oggi sede del Parlamento estone, si trova il Castello di Toompea che, arroccato su una rupe calcarea, domina tutta la città.
Info: Visit Estonia 


E dopo due ore di navigazione dal porto di Tallinn raggiungo la capitale della Finlandia, Helsinki


Helsinki. Finlandia.
Ultima tappa del mio tour delle capitali baltiche: Helsinki. Il modo più economico, ma anche comodo, per raggiungere la capitale della Finlandia è quello di prendere il traghetto da Tallinn. I biglietti sono acquistabili on line sul sito della Direct Ferries al prezzo di 17 euro cad. e la nave è totalmente accessibile in sedia a rotelle con bagno per disabili a bordo.

In due ore di navigazione si raggiunge Helsinki, città moderna che si affaccia sul Golfo di Finlandia. La sua area metropolitana comprende le città di Espoo, Vantaa, Kauniainen e altre piccole località e isole. Oltre ai suoi sessanta musei, la città dispone di spazi verdi, chiese e palazzi adibiti a centri commerciali. E’ la capitale più a nord dei Paesi dell’Unione Europea oltre ad essere la città più grande di tutta la Finlandia.

Il mercato Kauppatori si sviluppa in un’area del grande porto di Helsinki, precisamente in piazza del mercato. Oltre alla bella vista che il golfo offre, qui si può acquistare di tutto, dal cibo finlandese fino ai souvenir più particolari!
Il Palazzo Presidenziale e il City Hall sono posizionati adiacenti a questa piazza. Qui accanto, più precisamente nel quartiere Katajanokka, si trova la cattedrale di Uspenski, una delle attrazioni principali di Helsinki. Questa chiesa ortodossa in stile neo bizantino si erge su una collina e fu progettata dall’architetto russo Aleksey Gornostayev, anche se venne costruita dopo la sua morte e completata nel 1868. Helsinki offre inoltre parchi curati dove rilassarsi e fare lunghe passeggiate. Uno di questi è l’ Esplanadi, che divide i due viali omonimi. Lungo queste vie si susseguono le pasticcerie più chic e le boutique più ricercate. Da una traversa della Esplanadi si raggiunge
Piazza del Senato dove si affaccia la Tuomiokirkko, ovvero la famosa cattedrale bianca simbolo di Helsinki (accessibile in sedia a rotelle). L’imponente cattedrale luterana è sita all’interno di un edificio neoclassico completato nel 1852 e recentemente ristrutturato. Di fronte alla cattedrale si trova la statua dell’imperatore russo Alessandro II mentre su un lato della piazza c’è il palazzo del governo. Tra le numerose chiese presenti in città non potete non visitare la Kampii Chapel, ovvero la cappella del silenzio. L’entrata è gratuita e non vi sono barriere per le carrozzine. L’esterno è paragonabile ad un grande nave ellittica arancione, mentre gli interni sono molto spogli, semplici e lineari, totalmente diversi alle altre chiese presenti in città. La cappella del silenzio accoglie le persone di tutte le religioni che pregano, ognuno a modo suo, in assoluto silenzio. Ultima, non di certo per importanza, è Temppeliaukion Jirkko, chiesa luterana scavata nella roccia e tipico esempio di architettura rupestre. E’ situata nel quartiere Toolo e fu consacrata nel 1969. Il suo interno è di forma circolare con soffitto in filo di rame. L’illuminazione è naturale grazie ai raggi di luce che penetrano dalle 180 finestre a pannello che collegano la cupola alle mura. Helsinki è famosa anche per un monumento molto particolare dedicato al compositore finlandese Jean Sibelius. Anch’esso si trova nel quartiere Toolo e fu progettato da Elia Hitunen. Com’è tradizione nei paesi nordici, il monumento è collocato all’interno di un parco ed è composto da un insieme di canne che mimano un enorme organo. I finlandesi amano molto la sauna, tanto che nel paese ce ne sono 1,6 milioni. Se ne trovano nelle abitazioni, negli hotel e persino pubbliche per le strade. Se amate le esperienze folli potete recarvi alla Loyly Sauna per vivere l’esperienza di buttarsi nel mare gelido a 0 gradi per poi rinchiudervi nella calda sauna. La location è il lungomare della città, la struttura è in legno e nell’annesso bar-ristorante vista mare è possibile farsi uno spuntino prima, durante o dopo aver sperimentato il tutto.
Info: Finlandia




IL TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

Accessibilità in sedie a rotelle
Sicuramente la Finlandia ha meno barriere architettoniche rispetto all’Estonia. Tallinn presenta una pavimentazione acciottolata a tratti difficile da percorrere in carrozzina e di certo le salite e le discese che si incontrano nella old-town non aiutano. E’ un’impresa impossibile anche trovare bagni per disabili all’interno dei locali. Helsinki invece è una città decisamente più moderna con maggiori facilitazioni per portatori di handicap.

Imperdibile
Tallinn: palazzo Kadriog , edificio di stile barocco petrino. E’ situato nell’omonimo parco anche se originariamente il palazzo fu chiamato Catherinetahl. Questo perché fu costruito per Caterina I di Russia dopo la grande guerra del nord. Oggi ospita il Museo estone d’arte. I suoi giardini sono talmente curati da apparire quasi finti… I roseti, le fontane e le cascate d’acqua rendono il tutto ancora più magico! Sia gli interni che gli esterni sono accessibili in sedia a rotelle. Chiesa di Sant’Olav, in stile gotico. La sua torre, alta 124 metri, la rende uno degli edifici più alti d’Europa. Non è possibile raggiungere l’osservatorio in carrozzina per via dei suoi 248 gradini a chiocciola, ma pare che dall’alto la vista sia impagabile! Nel 1625 un incendio la danneggiò gravemente, ma la successiva ristrutturazione l’ha resa come nuova!

Helsinki: stazione centrale, capolavoro di architettura. Il suo profilo è formato da quattro uomini che reggono il globo, da un grande arco a tutto sesto e dalla torre dell’orologio. E’ ritenuta uno dei monumenti cittadini più famosi nonché uno dei più grandi terminal ferroviari del mondo. I binari sono 19 e da qui partono anche collegamenti in autobus per l’aeroporto Vantaa. Quartiere di Eira, piccolo distretto di 1000 abitanti situato a sud della capitale finlandese. Qui si trovano ville e palazzi in stile Art Nouveau contornati da eleganti viali alberati. Potete immergervi nella tranquillità di Eira girovagando a piedi per le sue vie e degustando il meglio della cucina locale in uno dei tanti ristoranti. Eira è apparso nel film “Calamari Union” diretto da Aki Kaurismaki. Museo Nazionale della Finlandia, luogo perfetto se siete interessati a conoscere la storia del Paese. Questo museo passa dalle cose storiche a quelle più interattive, il tutto spiegato molto bene. I ragazzi fino a 18 anni non pagano. Accessibile in sedia a rotelle.

Dove mangiare
Tallinn: Kaerajaan Restaurant, affacciato su Piazza Raekoja. Entrata con un paio di gradini alti, mentre gli interni non presentano barriere. Se volete assaggiare il sushi di orzo questo è il locale che fa per voi! Sapori raffinati e piatti curati in un ambiente elegante e distinto. Siete a Tallinn e desiderate mangiare cibo russo? Recatevi al Tchaikovsky Restaurant. Ambiente accogliente ed informale con personale molto gentile. E’ considerato uno dei migliori locali della città. Piatto consigliato: tartare di lavarello con frutto della passione, crema di dragoncello e caviale di Osetra. Ristorante Farm dove provare degustazioni con aglio ed erbe locali. Tra i piatti tipici proposti vi sono la renna, l’anatra, l’agnello e naturalmente il maiale, una delle carni preferite dagli estoni. Le pietanze sono accompagnate dal buonissimo pane di segale.

Helsinki
Ravintola Nokka, ristorante molto particolare con cucina a vista. Il menù propone antipasti locali e portate principali tutte di ottime qualità presentate in modo impeccabile. Piatto consigliato: alce con muschio selvatico. Piatti anche per vegani. Anton & Anton, supermercato gourmet dove oltre a fare la spesa è possibile consumare insalate e cibi pronti. Una vera istituzione a Helsinki! Al mercato Kauppatori non potete non provare i muikut (pesciolini fritti) o le famosissime pannukakku, crepes farcite con panna e frutta. Lappi, locale molto particolare dove si mangia solo ed esclusivamente cibo lappone. Il must di questo ristorante è la renna con patate, ma se siete fortunati potete anche trovare tra le proposte la deliziosa carne di orso.

Dove dormire
Tallinn: Tallink Express Hotel, situato a soli 600 metri dal centro storico e a 300 metri dal porto dei passeggeri. L’hotel è totalmente handicap-friendly se non fosse per un piccolo gradino da superare all’entrata. La colazione continentale propone prodotti da forno dolci e salati. Mentre al bar accanto alla reception potete ordinare caffè, cappuccini e tisane calde. La reception è aperta 24 h, vi è un servizio di noleggio biciclette, deposito bagagli, free wi-fi, servizio lavanderia, area interna con giochi per bambini, navetta aeroportuale (a pagamento) e camere anallergiche. La struttura è stata recentemente ristrutturata.

Helsinki: Clarion Hotel, a pochi passi dal lungomare e a circa 1 km dal terminal west dei traghetti. Struttura elegante e raffinata con personale molto professionale. L’hotel non presenta barriere architettoniche. Si può usufruire della piscina, della palestra e della sauna situati al decimo piano, mentre all’undicesimo trovate lo sky bar con vista panoramica sulla città. La reception è aperta 24 h, wi-fi gratuito, posteggio a pagamento, camere anallergiche, spazi per riunioni/bachetti, animali ammessi. Al bar situato al piano terra potete assaggiare una squisita zuppa di salmone accompagnata da pane nero. Vivamente consigliato!

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Pamela Cazzaniga

Pamela Cazzaniga

Solare, vivace ed esuberante ama da sempre le lingue e i viaggi. Vive in provincia di Lecco, vicina alla soglia dei 40 anni è da 18 su una sedia a rotelle a causa di un brutto incidente stradale. Dopo aver superato il trauma ha ripreso a girare il mondo e, sull’onda di questa grande passione, nel 2014, ha aperto un blog “ilmondodipamela.it” per stimolare i disabili a viaggiare. Felice di collaborare con Agendaviaggi che le permette di realizzarsi come donna, viaggiatrice ma soprattutto come disabile. Il suo motto è “crederci sempre arrendersi mai!”