Asta Mondiale del tartufo bianco d’Alba 2018, appuntamento con “gourmet e bonne vie”

Scritto da Carlo Ingegno on . Postato in Appuntamenti, Coppia, Food&Drink, Single, Weekend

Al via, domenica 11 Novembre, la XIX edizione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba. Appuntamento al Castello di Grinzane Cavour, dal 2014 tra i Siti riconosciuti Patrimonio dell’Umanità tutelati dall’Unesco. Una festa per intenditori e buongustai ma non solo. Tra profumi, grandi vini e soprattutto grande solidarietà.

 

 

 

Alba, Italia
Torna protagonista sua maestà il tartufo bianco, il pregiato “tuber magnatum pico”, per essere battuto all’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba. Quest’anno giunto alla XIX edizione. Battitori d’eccellenza, la bella e brava Caterina Balivo con l’oramai presenza storica, l’attore comico, Enzo Iacchetti, non mancheranno novità tra gli ospiti.
Chi porterà a casa l’ambito tubero? Lo scorso anno se lo è aggiudicato il finanziere Eugene Fung di Hong Kong, portando con se nel lontano oriente ben 850 grammi di tartufo bianco per la considerevole cifra di 75.000 euro. Anche quest’anno, gran fermento in attesa di conoscere e proclamare il vincitore.
L’appuntamento, ormai la maggiore kermesse autunnale di “gourmet e bonne vie”, si svolgerà come sempre nelle grandi sale del mitico maniero appartenuto al grande statista piemontese Camillo Benso Conte di Cavour, il Castello di Grinzane Cavour (Cuneo), inserito tra i siti riconosciuti Patrimonio dell’Umanità Unesco, darà vita, domenica 11 novembre, a l’imperdibile competizione internazionale, con la tradizionale  finalità benefica. Attesi numerosissimi appassionati del gusto, che qui potranno apprezzare l’inimitabile enogastronomia Italiana tipica di Langhe, Roero e Monferrato.

Il mondo dell’alta cucina, imprenditori e filantropi, disputeranno a suon di emozionanti rilanci, una vera e propria gara per aggiudicarsi i migliori esemplari di tartufo bianco d’Alba, mandati all’incanto in abbinamento a blasonati lotti di Barolo e Barbaresco. Grazie soprattutto al Consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e la loro immancabile collaborazione.
Ogni lotto dei pregiati funghi ipogei verrà battuto all’asta sia al Castello di Grinzane Cavour, sia sulla piazza di Hong Kong. Qui l’evento sarà ospitato dallo chef, tre stelle Michelin, Umberto Bombana, nel suo ristorante “8 1/2 Otto e Mezzo Bombana”. Un obiettivo su tutti, portare sostegno, attraverso i fondi raccolti, all’Istituto Mother’s Choice, associazione benefica che aiuta tanti bambini senza famiglia, con la missione di dare speranza al loro futuro.

Ma le novità come si usa dire non finiscono mai, infatti dopo l’ottima esperienza avuta con la città di Dubai lo scorso anno, l’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba tornerà a far tappa negli Emirati Arabi Uniti, in primis c’è l’intento di continuare a produrre sinergie. Lo scopo? Individuare un turismo internazionale d’eccellenza, interessato ad apprezzare e vivere il nostro territorio.
Per il collegamento, scendono in campo collaboratori d’eccezione come: la Camera di Commercio Italiana ivi operante dal 1999, l’IRC – International Restaurant Consulting e il Billionaire Mansion Dubai locale di proprietà di Flavio Briatore situato al TAJ Hotel di Dubai Business Bay. Anche qui tutti i ricavati verranno devoluti a un ente benefico molto attivo nella metropoli degli Emirati.
Altra novità il collegamento con la bella Matera, Patrimonio dell’Umanità e “Capitale Europea della Cultura 2019”, grazie alla consolidata collaborazione tra la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e la Regione Basilicata. I noti animatori della trasmissione si collegheranno anche con la “città dei sassi”, a breve simbolo internazionale di un modello culturale.

Al Castello di Grinzane, a condurre l’Asta 2018, vogliamo ancora sottolineare l’ottima accoppiata di due battitori d’eccezione; la presentatrice televisiva Caterina Balivo, volto noto di importanti trasmissioni Rai, ed Enzo Iacchetti, attore comico e presentatore che animerà la kermesse con il suo sarcasmo ed ironia. Annunciate inoltre novità e sorprese durante l’Evento.
Come di consueto, ogni edizione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba consacra i migliori chef del mondo e la loro duttilità nell’affrontare e preparare il pregiato fungo. Quest’anno il riconoscimento speciale di Ambasciatore del Tartufo Bianco d’Alba nel mondo, attribuito dall’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, andrà a Enrico Cerea primogenito di Bruna e Vittorio, famiglia marchio d’eccellenza internazionale della ristorazione e dell’accoglienza. Con i quattro fratelli e la mamma, nel ristorante “Da Vittorio” tre stelle Michelin a Brusaporto vicino Bergamo, va in atto l’idea di “Tradizione lombarda e genio creativo”, uno stile che contraddistingue la famiglia Cerea, che da più di 50 anni, delinea (con ottimi risultati) il futuro della ristorazione.

Per concludere e a seguire il report del ricavato della scorsa edizione 2017 dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, da sempre destinato in beneficenza.
Il totale è stato di 370.000 euro. Iniziamo con Hong Kong, dove è stato devoluto all’Istituto “Mother’s Choice” per i bimbi orfani e giovani mamme in difficoltà. A seguire Grinzane dove è stato destinato alla Fondazione Nuovo Ospedale Alba Bra Onlus.

Info
:
Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba
Castello di Grinzane

 

Carlo Ingegno

 

Trackback dal tuo sito.

Carlo Ingegno

Carlo Ingegno

Nato a Napoli, trasferitosi per amore a Buenos Aires dove la bella Patricia gli regala ben 4 figli. Negli anni ‘80 torna in Italia, a Milano, questa volta per lavoro in Rcs dove si occupa di immagine e grafica. Inoltre viaggia, fotografa e scrive storie dal mondo con approccio esplorativo sempre attento ai dettagli. Oggi dirige Agenda Viaggi con un gruppo di persone molto speciali. Vive da qualche anno con sua moglie Raffaella e la gatta Misha a Verzimo, un paesino del XI sec. in provincia di Vercelli, in una casa piccola, soleggiata, per metà ristrutturata, un giardino incolto e mobili tutti diversi per epoche e stili, come la vecchia tavola da surf testimone di lunghe cavalcate sulle onde in California o come l’eccentrico menù del caffè Granola a Copenaghen, la foto scattata alla cisterna di vetro colorata a Dumbo, Brooklyn, dell’artista Tom Fruin, e le belle stampe che immortalano la piacevole solitudine sulla spiaggia di Margate nella contea del Kent in Inghilterra.