A Tiberiade, la maratona è una vera e propria festa dello sport

Scritto da Carlo Ingegno on . Postato in Appuntamenti, Single, Sport & Viaggi, Turismo

Per gli sportivi uno stimolo in più per visitare Israele, con la prima maratona del 2019, il prossimo 4 gennaio. In migliaia gli atleti provenienti da tutto il mondo, verranno accolti da un clima mite e soleggiato, lungo un percorso ricco di storica e luoghi suggestivi.

 

 

 

Tiberiade, Israele.
Con l’inizio del nuovo anno, un appuntamento da non perdere per gli appassionati della maratona. Il 4 gennaio 2019 infatti si darà al via in Israele alla 42esima edizione della maratona di Tiberiade, dove vanno affrontati 42,195 km.

Un percorso che vanta un primato, essere il “più basso” al mondo, si corre a 200 metri sotto il livello del mare. Il tracciato, su asfalto rapido e pianeggiante, attraversa scorci davvero incredibili, tra panorami mozzafiato lungo la costa del mare di Galilea, e siti antichi di grande interesse storico, attraverso la valle del Giordano, regalano ai partecipanti pura andrenalina.
Una maratona con le caratteristiche ad anello, attraversando le strade principali di Tiberiade si arriva fino al Mar di Galilea, poi al Giordano fino al Kibbutz Ein-Gev e da lì ritornare a Tiberiade.
Va ricordato qualche record, come quello della maratona del 2012 dove fu registrato il record maschile di 2 ore 7 minuti e 30 secondi.
Numerosi gli eventi che accompagneranno l’appuntamento sportivo. Tra questi va segnalato una corsa di 10 km lungo un’area archeologica di recente scoperta sul lago di Kinneret, oltre alle suggestive spiagge di Barniki e Shikmim. Mentre la Kinneret Urban Association ospiterà gli atleti della maratona lungo le sue spiagge con tanto di intrattenimento e postazioni che comprendono area ristoro e tutti i necessari comfort.

Photo Courtesy by Turismo Israeliano

Per informazioni e iscrizionihttp://en.israman.co.il/

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Carlo Ingegno

Carlo Ingegno

Nato a Napoli, trasferitosi per amore a Buenos Aires dove la bella Patricia gli regala ben 4 figli. Negli anni ‘80 torna in Italia, a Milano, questa volta per lavoro in Rcs dove si occupa di immagine e grafica. Inoltre viaggia, fotografa e scrive storie dal mondo con approccio esplorativo sempre attento ai dettagli. Oggi dirige Agenda Viaggi con un gruppo di persone molto speciali. Vive da qualche anno con sua moglie Raffaella e la gatta Misha a Verzimo, un paesino del XI sec. in provincia di Vercelli, in una casa piccola, soleggiata, per metà ristrutturata, un giardino incolto e mobili tutti diversi per epoche e stili, come la vecchia tavola da surf testimone di lunghe cavalcate sulle onde in California o come l’eccentrico menù del caffè Granola a Copenaghen, la foto scattata alla cisterna di vetro colorata a Dumbo, Brooklyn, dell’artista Tom Fruin, e le belle stampe che immortalano la piacevole solitudine sulla spiaggia di Margate nella contea del Kent in Inghilterra.